Friday, November 25, 2011

TORTELLI DI ZUCCA DI MIO SUOCERO

Ieri sera cena strepitosa.
Avevo i suoceri a cena e ho voluto preparare qualcosa di speciale, ma le mie ricette le pubblichero' nei prossimi giorni.  Oggi voglio invece raccontarvi dei tortelli di zucca preparati da mio suocero, mani d'oro, secondo la ricetta di sua madre mantovana.
Un trionfo di sapori sapientemente dosati in un piccolo fagottino prezioso dalla sfumatura dorata. Delle golosissime pepite d'oro.
Ogni volta che affondo i denti nella morbida pasta scopro una dolce scioglievolezza che ha il potere di farmi brillare gli occhi...



Ingredienti

Zucca  3 kg
Uova  8
Mostarda  di frutta sgocciolata 200 g
Amaretti di saronno 200 g
Noce moscata q.b.
Buccia di un limone grattugiata
Pan grattato q.b.
Parmigiano 12 cucchiai

Tagliate la zucca - deve essere farinosa e dolce - a pezzi grandi e cuocetela al forno fino che non risulta morbida alla punte della forchetta, mondarla e lasciarla sgocciolare a lungo (se risulta molto acquosa) aggiungere gli amaretti sbriciolati finemente, la mostarda tritata con la mezzaluna, la buccia di limone grattugiata, la noce moscata e il parmigiano grattugiato. Amalgamare il tutto. Se il ripieno risulta troppo umido aggiungere del pan grattato.
Impastare la farina con le uova e stendere una sfoglia non troppo sottile, quindi realizzare dei fagottini. Cuocere e condire con burro fuso e parmigiano.
Buon appetito!

18 comments:

  1. Beh avendo fatto io i cappellacci non posso che adorare ogni altra versione!
    Ottimi:)

    ReplyDelete
  2. Che donna fortunata...
    e che mani d'oro ha il suocero nell'impastare la pasta...e che bello portare e tramandare tradizioni culinarie di famiglia...
    Mi piace tanto...
    un bacio Gemma

    ReplyDelete
  3. che bravo suocero... avercene!

    ReplyDelete
  4. sai che da quando abito qui,ed essendo una mia carissima amica mantovana,ho mangiato ogni tipo di tortelli di zucca che si trovino in giro:è difficilissimo trovare due combinazioni di sapori uguali!Ma quasi sempre mi deludono.Questi di tuo suocero mi ricordano,leggendo gli ingredienti,un po' quelli cremaschi che faccio io con la ricetta della nonna di mio marito e sono certa che mi piacerebbero.Mi sa mi sa...che scatta il pomeriggio mani in pasta!

    ReplyDelete
  5. Renata, anche io credo che anche il patrimonio culinario debba essere trasmesso ai posteri! Un bacio e buon weemend cara

    ReplyDelete
  6. Ciccia erano davvero ottimi, Massimo ha un'ottima mano per la pasta fresca, lunedi vado a vedere come si preparano i tortellini!

    ReplyDelete
  7. Franci, allora poi vorrei conoscere la tua ricetta! Un bacione!

    ReplyDelete
  8. Ciao Gemma, buoni i tortelli!
    Passa da noi c'è un regalino per te!

    ReplyDelete
  9. Grazie fanciulle! Un bacione e passo subito!

    ReplyDelete
  10. Che belli che sono! Io non li ho mai fatti, credo che sia l'unica ricetta a base di zucca che non è ancora passata per la mia cucina. Bacioni

    ReplyDelete
  11. Di questi tortelli ne ho sempre sentito parlare....hanno un aspetto sublime! Belli i piatti della tradizione, non perdiamole!

    ReplyDelete
  12. Allora non ti resta che provare carissima Donatella!

    ReplyDelete
  13. Artu' sono pienamente d'accordo con te!

    ReplyDelete
  14. a me piacciono veramente tanto!! mi piace quel dolce che si avverte e quel contasto di sapori , apposta per avere i tortelli di zucca ogni anno faccio sempre la mostarda a casa (e non ti dico le avventure che ho passato per avere la boccetta di essenza di senape !)
    comunque veramente un bel piatto che non i tradisce proprio mai !

    ReplyDelete
  15. che bello mantenere la tradizioni culinarie di famiglia!

    ReplyDelete
  16. Magnifici e deliziosi, anche molto ben conditi...ciao e buona Domenica.

    ReplyDelete
  17. Dear Gemma Olivia, Such a good recipe. I have heard of this, pumpkin ravioli, but have never tried it. I think I should give it a try. I am glad that your father-in-law enjoyed it. Blessings my dear, Catherine xo

    ReplyDelete

ALLORA? COSA PENSATE DI QUESTO PIATTO?